28 novembre 2007

Una promessa è una promessa / A promise is a promise

Oggi ho finalmente messo mano a un lavoro che avevo promesso tantissimo tempo fa.

Tracy mi aveva chiesto uno dei miei segnalibro a fermaglio. Le ho chiesto quale colore preferiva, e lei mi ha scritto che la figlia maggiore Ciera ama l'azzurro, mentre la piccola Payton il rosa.

Ages ago Tracy asked me a paperclip bookmark, and when I asked her a color combo, she told me that her girls' favorite colors were light blue and pink, so she chose a blue/pink paperclip.

Le ho detto quindi che avrei fatto un segnalibro a testa per le bambine, ma visto che è passata una vita dalla promessa fatta, ho pensato di aggiungere qualcosina per farmi perdonare dell'attesa.

I thought that one paperclip each can be even better... so here they are, light blue for Ciera, and pink for Payton. And I added a couple of other things because I really feel guilty for the delay in making and sending the stuff!


Il bigliettino a destra è per la mamma, Tracy, sotto sono i lavoretti fatti per le figlie...

The little turquoise/brown notecard is for Tracy, and the things below are for Ciera and Payton. I hope they'll like them!




















Okay Lisa...

In the last post I just answered some questions I got in the comments about the kind of glues I prefer for my projects.

I suggested to use a particular tool that I consider absolutely the best for its efficiency, tho it's quite expensive: the hot press.

No matter what kind of glue I'm using for my cards, I know it will achieve the best results.

And it's really easy to operate:
I just put the card on a hard surface and I sit on it for ten seconds. A hot cheek with [omitted] kilograms on it gives me a perfectly glued card every time! LOL

26 novembre 2007

Le cose sono sempre facili...

...per chi le sa fare
Non esistono domande stupide, solo dubbi legittimi. E' qualche anno ormai che uso timbri, carte e colori. E quando dico "uso", in realtà intendo "spreco".

Mi spiego: dopo numerosi biglietti curvati e imbarcati dalla colla, ho imparato due cose:
  • non usare colle liquide sui biglietti. Solo colla stick e quelle colle a nastro permanenti che stanno nelle chioccioline di plastica
  • non è la quantità di colla usata a garantire l'adesione, ma la pressione esercitata sul pezzo. Proprio per questo uso un attrezzo un po' costoso ma molto utile: la pressa termica. In pratica appoggio il biglietto appena incollato su una superficie piatta e mi ci siedo sopra per una decina di secondi. Una chiappa calda con [omissis] chili che ci pesano sopra è garanzia di successo.

Prima di arrivarci però mi sono mangiata le mani su numerosi lavoretti carini, rovinati dalla colla in maniera irrecuperabile...

Morale della storia: se volete chiedere qualcosa fatelo senza remore. Se proprio vi vergognate... c'è il link alla mia mail in alto a destra!


Corsi e ricorsi storici

Per chi l'ha chiesto, quando parlo di corsi, intendo quelli che tengo a Milano, presso Impronte d'Autore. E' il luogo dove la mia storia di drogata di timbri ha avuto inizio, e dove tutt'ora impiego qualche ora del mio tempo ogni tanto, in modo da potermi pagare il malefico hobby.

Loro, i miei pushers, ogni tanto mi allettano con prodotti, attrezzi e timbri nuovi. Io per potermeli permettere li provo e preparo corsi da tenersi presso il loro negozio. Faccio il corso, ed immediatamente spendo tutto il ricavato in loco. L'unica forma di spaccio di droga non condannata dalla legge.

Il che risponde (in parte) alla domanda di Giulia. Quanti timbri ho? Boh. Tanti. Probabilmente troppi.

Attualmente faccio corsi di Stamping Avanzato 1 (sul cartoncino glossy), e 2 (tecniche di sfondo), Polyshrink, Accordion Books e qualche altra cosetta.


Ringraziamenti

Ringrazio dal profondo del cuore per le belle parole che ogni tanto leggo nei commenti sui miei lavoretti. Non sono sempre meritate, ma fanno in ogni caso piacere... Grazie, grazie, grazie!

25 novembre 2007

Azzurro Natale / Dreaming of a Blue Christmas

L'altro giorno ho passato un paio d'ore con una cara amica, ed insieme abbiamo buttato giù qualche biglietto di Natale.

A few days ago I spent a couple of hours with a dear friend of mine, and we made some Christmas cards.

Ad essere sincera mi sono un po' stufata dei colori tradizionali, e volevo provare qualche combinazione alternativa. Mi sono innamorata di questi pettirossi e, tra neve e piumette, il rosso, il rosa e l'azzurro erano di rigore...

I'm tired of the traditional Xmas colors, and I wanted to try a different color combo. I fell in love with these robins so, looking at the snow and feathers, pink, red and blue were a must...

Non mi sono ricordata di fotografare subito il biglietto fatto (non ce l'ho più...) quindi l'ho rifatto "a memoria". Mi piaceva il sonaglino dorato, che tintinna al minimo movimento, e il nastro con le impunture. Oltre al biglietto ho fatto anche un chiudipacco coordinato. Magari da usare su un regalo avvolto in carta rosa. Spero di trovare finalmente il tempo di mettermi a fare qualcosa nei prossimi giorni.

I didn't remember to take a photo of the card (I don't have it anymore), so I made another - similar - one for me. I like the golden bell, that tinkles lightly, and the pink/red ribbon. I also made a coordinated tag that will look great on a present wrapped in pink paper.

Cartoncino/Cardstock: Bazzill

Timbro/Stamp: Impronte d'Autore; "Short And Sweet" - Stampin' Up

Nastro/Ribbon: Artemio

Sonaglino/Bell: Artemio

Inchiostro/Ink: Versafine Black

24 novembre 2007

Risposta per Lucia

...che mi ha lasciato un commento su questo post, chiedendo che colori ho usato, e chiarimenti sulla tecnica.

I colori che ho usato sono le ricariche per i tamponi per timbri Impress, ma la tecnica funzionerebbe anche con gli acquerelli liquidi (tipo Ecoline, per intenderci) e forse anche con gli acquerelli normali, purché molto diluiti.

Si distribuisce il colore avendo cura di tenerlo molto liquido. In caso il colore tenda ad asciugare prima che tutto lo sfondo sia finito si aggiunge dell'acqua con uno spruzzatore qualsiasi.

Finito di dare il colore, si distribuisce sul cartoncino del sale grosso e si lascia asciugare tutto senza spostarlo. E' quindi utile usare un vassoio per farci questi giochini, che al massimo si sposta tutto insieme. Una volta che il pezzo è asciutto si scuote per togliere il sale, e magari si passa con un fazzoletto di carta per eliminare i residui più piccoli.

Spero di essere stata chiara...

15 novembre 2007

Pizza connections

No, niente mafia su questo blog. La pizza connection che propongo è molto più sana e gradevole.

Ho postato l'altro giorno questa decorazione da muro che mi ha gentilmente regalato Samantha e a tal proposito ho ricevuto richieste e commenti dall'Italia e dall'estero.

Ho parlato con Samantha, creatrice dell'oggetto del desiderio e lei, da buona artista, si propone per scambi di natura decorativa con altre persone interessate.

Chi volesse scriverle, può farlo a questo indirizzo e-mail, è una ragazza gentile e disponibile e credo sarà felice di fare nuove conoscenze artistiche!


The title of this post is Pizza Connection, but no mafia at all here: tho the post involves Italy, the kind of connection I suggest is way more safe and pleasant!

Time ago I posted this wall decoration I received from Samantha, and I got messages and requests about it from Italy and from the States.

I asked Samantha, who made the piece and - since she has the soul of an artist - she offered to get in touch with other crafters interested in swaps.

If you like the idea, you can write her at
this e-mail address, she is a very kind girl, and I bet she will be happy to know other artists!

Non solo pupazzi di neve / Not Just Snowmen

Come qualcuno ha già notato, non faccio molti biglietti di Natale con temi squisitamente religiosi. Non nego di poter - in caso di necessità - fare appello a una qualche forma di spiritualità mia personale, ma in genere non sono un granché in fatto di ortodossia. Conosco però persone che non condividono questa mia inclinazione, e per loro faccio anche biglietti di questo genere.

Someone already noticed that I don't make a lot of Xmas cards using religious images. I can find - deep in my heart - a sort of very personal spirituality, but I'm not really good at orthodoxy. Anyway I know people who like this kind of cards, and I sometimes make "religious" layouts...

La carta stampata sullo sfondo fa parte di un set di carte per scrap digitale che ho comprato qualche giorno fa sul negozio online http://www.jenwilsondesigns.com/. I cartoncini sono Stampin Up Always Artichoke e River Rock. L'immagine di primo piano è di Stampendous (V133 - Blessed Family), mentre i riccioli sullo sfondo sono di Stampin Up (Baroque Motifs).

The printed strip on the background is part of a digital set I bought a few days ago from www.jenwilsondesigns.com. I used SU cardstock (Always Artichoke and River Rock) to make the card and layers. The main image is from Stampendous (V133 - Blessed Family) and the swirls are from SU set Baroque Motifs.

Il formato del biglietto è quello di cui ho parlato durante l'ultimo corso. Si ottiene tagliando in quattro un cartoncino da scrap da 30x30 cm. Ogni pezzo da 15x15 cm, piegato a metà, forma un biglietto completo (15x7,5 cm).

The card is a 6"x6" square folded in two. I often use this size, because I can get four cards from a regular 12" sheet of scrapbook paper or cardstock.

Visto che l'avevo promesso, posto anche il template della busta:

Here you can find a template for the envelope:








13 novembre 2007

Insalata mista / Mixed salad


Insalata mista... di risposte!

Il Natale quando arriva, arriva

Eh, ma quanta gente che non ama il Natale!

Ora, non è che io a Natale venga illuminata da divina beatitudine o che mediti assorta, in pia contemplazione delle pecorelle del presepe. Sono geneticamente incompatibile con la religione istituzionalizzata, e non c'è staminale che tenga per metterci una pezza.

D'altro canto, non vedo il Natale come puro evento commercial-popular-tradizional-salagadula mencicabula bibbidi bobbidi bù (scusate i vaneggiamenti, sono un po' rinco per le lunghe ore passate al lavoro).

Del Natale mi piacciono, come dicevo, le implicazioni affettive. Che volete farci, sono una donna all'antica, tutta lavoro, stamping e famiglia. E l'occasione, proprio perché rara, è particolarmente festosa e godereccia. Godo del cibo, dei profumi e dell'ozio di rito.

Ma soprattutto godo delle persone.
Tutte quelle che amo, nello stesso momento, nello stesso posto.

Cosa potrei chiedere di più alla vita? Un Lucano? Personalmente preferisco il Fernet, o al limite un Petrus...


Donatella, dove sei?
A Donaté, io ti manderei volentieri tutto quello che mi chiedi e mi fa tanto piacere se mi scrivi, ma io dove acc.... ti rispondo? In alto a destra su questo blog trovi il link "scrivimi". Clicca lì e mandami due righe, così mi arriva il tuo indirizzo di mail! Su, dai, muoviti!


TartAnna e altre magie

Adesso che me l'hai detto, la vedo benissimo la tazzina di caffé, ma ormai mi sono affezionata alla tartaruga, e se la cucissi in versione tazzina continuerei a vedere una povera tartarughina che annaspa girata sul dorso! Questo urterebbe la mia profonda sensibilità animalista.

Dovrei anche affrontare le vibrate proteste dei miei gatti, che sono ancora più animalisti di me. Pensa che sono così animalisti che non mi farebbero mai del male (perlomeno senza una valida ragione).


Wall medallion

Laurie, the blue Donald Duck is a wall decoration that I received from one of my blog readers, Samantha. It is absolutely professional in every detail, and she left the lower part free to let me add a name or a writing... isn't it great?





Acquerelli, Francesca!

Per essere esatti, pennarelli acquarellabili. E' il mio metodo preferito per colorare: mi piace mischiare i colori, sfumare, picchiettare, macchiare...


Mariana Tagga...

Le regole:

  • Postare il regolamento
  • Parlare di 8 fatti a caso e curiosi o che non si sono mai raccontati nel blog che riguardano se stessi
  • Scegliere altre 8 persone da taggare e dire loro che sono state taggate (opzionale, spero)

Eccheccacchio posso raccontare di curioso, che riguardi me? Io sono prevedibile come l'aumento delle tasse!

  1. Sono maniacale nella gestione dei timbri, mi manca solo di tenerli in ordine alfabetico, poi ho toccato il fondo. Sono suddivisi per marca, all'interno della marca per tipo (set o singolo), poi per genere (sfondo, testo, immagine), poi per dimensione. Così so sempre dove trovare "quel timbro".
    Peggio di Monk.
  2. Sto guardando assolutamente troppi blog. Passo più tempo a guardare che a fare. Un'ossessione pericolosa. Ma credo di essere in buona e numerosa compagnia.
  3. Ho ancora una bambola che mi hanno regalato quando avevo - credo - quattro anni. Ha un meccanismo a molla che carica un carillon (ninna nanna di Brahms) e la fa muovere piano come un bebé che respira dormendo. Sono affezionata a quella bambola, e poco tempo fa le ho perfino comprato un vestitino nuovo, rosa.
    Beh, mia nipote Annalisa dice che le fa impressione, le sembra una di quelle bambole diaboliche e assassine dei film dell'orrore. Annalisa, grazie per avermi regalato un nuovo punto di vista. Ma io la mia Sissi non ce la vedrei mai in un film dell'orrore... ;-D
  4. Amo fantascienza e fantasy. Notato il mio alter-ego alato, nella colonna laterale? Le ali le volevo più grandi, ma poi mi prendevano tutto il blog...
  5. La mia idea di paradiso è molto semplice. Una piscina in piastrelline azzurre, blu e verdi a mosaico, una sauna, un lettino da massaggio e un'intera squadra di vigorosi massaggiatori tutti per me. Se sono pure bellocci, non guasta.
    Pura soddisfazione estetica, sono felicissimamente sposata. Anzi, magari posso prestare un massaggiatore anche a mio marito, se me lo chiede. Ma una massaggiatrice, no. Ecchecc... è il MIO paradiso, questo, non il suo!
  6. Ho ancora i pattini a lama, da ghiaccio. In tutto li avrò usati cinque volte, ma non li darei mai via, sono troppo belli, con gli stivaletti bianchi ancora perfetti. E di due numeri troppo piccoli.
  7. Ho visto tutti i film di Harry Potter con mia nipote Ilaria. Che faremo quando i film saranno finiti? Ormai quando sento il tema musicale di Harry Potter vedo le torrette di Hogwarts! (Pavlov docet)
  8. Ho un gatto che crede di essere un cane, uno che si rotola come un orsetto e una che scava gallerie sotto le lenzuola come una talpa. Ho pesci rossi grossi come tonni e piante grasse che definire obese è riduttivo. Ma in casa mia una cosa normale no?
    A parte me, naturalmente.

11 novembre 2007

PorcoNatale ed altro

Entriamo nel vortice natalizio, delizia della mia vita. Ebbene si, devo ammettere che il Natale è in assoluto il periodo più bello per me.

Sarà la prospettiva della giornata festosa con le persone che amo di più (la mia bellissima famiglia si è anche allargata ultimamente, e di questo sono assolutamente felice).

O magari la preparazione dell'evento (le ore passate con mia sorella a ridere e far decorazioni e biglietti a quattro mani sono miele per l'anima).

Fatto sta che il Natale mi piace: i colori, i profumi, le carte luccicanti e le candeline. E poi torroni e panettoni, lardo con miele e castagne, il lesso con la salsa verde e la mostarda di mandarini, il brasato e il vino (e troppo whisky e grolla almeno una volta l'anno, vero Marco?).

Il Natale lo passiamo da anni - per tradizione e vocazione di ospitalità - da mia sorella e mio cognato, che più che un cognato è il fratello che non ho avuto. Tutti insieme, a poltrire senza vergogna con il caminetto che scoppietta, di giorno con la vista sul giardino, di sera con il buio fuori, quando sembra che le decorazioni dell'albero brillino ancora di più.

Ma per ora non sono ancora entrata nella giusta atmosfera. Tra una cosa e l'altra non sono mai a casa, sono stanca e non ho tempo né voglia per fare niente. Il biglietto che ho buttato giù ieri sera non mi entusiasma affatto, ma è il primo lavoretto del "dopo Halloween" e forse devo riprendere la mano...

Timbri:
2743H "Merry Wishes" (maialino) - Penny Black
109276 "Polka Dot" (Sfondo) - Stampin' up
SSC233 "Winter family" (scritta) - Stampendous
Carte: Real Red, Bashful Blue - Stampin' up
Polvere da embossing bianca


Ho però ricevuto un paio di sorprese che mi hanno rialzato il morale.



Samantha mi ha mandato questa bellissima decorazione a medaglione, lavorata a decoupage, e nel biglietto mi ha anche dato istruzioni su come eventualmente personalizzarla aggiungendo una scritta con gli appositi pennarelli.

Io però la trovo bellissima così com'è!










Anna invece mi ha mandato un biglietto molto bello, alcuni nastri che userò sicuramente nei miei lavoretti ed una simpaticissima tartarughina fatta a mano in feltro. Sto pensando di cucirla su una borsina di feltro nero che così com'è è un po' "povera". Sono sicura che ci farà un figurone!

Peccato che durante la spedizione (che ci ha messo un tempo scandaloso, a giudicare dal timbro postale) la busta sia stata probabilmente piegata, e il biglietto ne ha un po' patito...